Promozione del lavoro dignitoso in situazioni di fragilità

Promozione del lavoro dignitoso in situazioni di fragilità

Cos'è l'iniziativa di sostegno alla promozione del lavoro dignitoso in situazioni di fragilità?

La "Promozione del lavoro dignitoso in situazioni di fragilità" sostiene il programma di punta dell'ILO "Occupazioni per la pace e la resilienza" per la diffusione delle conoscenze e la fornitura di attività di formazione e apprendimento.

Le stime indicano che 1,5 miliardi dei 7 miliardi di persone al mondo vivono in situazioni di conflitto e fragilità e che questo numero è in continua crescita. Si stima che 100 milioni di persone abbiano richiesto assistenza umanitaria negli ultimi tre anni e che le persone con esigenze umanitarie raddoppieranno tra il 1990 e il 2025. Sette milioni di bambini sono rifugiati e circa 11,2 a 13,7 milioni di bambini in tutto il mondo sono stati sfollati all'interno dei propri paesi. Entro la fine del 2013, 51,2 milioni di individui sono stati forzati a lasciare il proprio territorio, in tutto il mondo, a causa di persecuzioni, conflitti, violenze generalizzate o violazioni dei diritti umani. Circa 16,7 milioni di persone erano rifugiati. La cifra globale comprendeva 33,3 milioni di sfollati interni (inclusi quelli che erano stati allontanati a causa di disastri) e quasi 1,2 milioni di richiedenti asilo. Tra il 2005 e il 2014, oltre 700.000 persone hanno perso la vita a causa di disastri, 1.4 milioni sono stati feriti e circa 23 milioni sono diventati senza tetto. Complessivamente, più di 1,5 miliardi di persone sono state colpite da disastri in vari modi durante questo periodo, in particolare donne, bambini e gruppi vulnerabili in modo sproporzionato.

In situazioni fragili, i mezzi di sussistenza vengono distrutti, le imprese interrotte, i luoghi di lavoro danneggiati e milioni di lavoratori perdono il loro posto di lavoro e la protezione sociale che spesso lo accompagna. Inoltre, le istituzioni che sono responsabili per la protezione sociale, i bisogni fondamentali e il diritto e l'ordine, sono spesso compromesse o distrutte. La mancanza di rispetto per le norme fondamentali del lavoro, la disuguaglianza e l'esclusione sociale sono caratteristiche comuni in queste situazioni.

La risposta dell'ILO a questa situazione in evoluzione è la promozione del lavoro dignitoso e di attività generatrici di reddito, lo sviluppo di capacità di recupero nella transizione alla pace e alla ripresa dalla crisi. Inoltre, l'ILO sostiene gli sforzi per la fornitura di servizi sociali di base e protezione sociale, tutela dei diritti, ripristinare le istituzioni e promuovere il dialogo sociale per la creazione o il ripristino di società stabili e democratiche.

Vi invitiamo ad accedere alla nostra piattaforma dedicata per condividere e discutere le migliori pratiche e gli errori, gli studi, le pubblicazioni e le opportunità di formazione e sviluppo di capacità istituzionali:

https://fragilestates.itcilo.org/

Se desiderate informazioni sul programma ILO  “Jobs for Peace and Resilience” visitate:

http://ilo.org/global/topics/employment-promotion/recovery-and-reconstruction/lang--en/index.htm

International Training Centre of the ILO

Viale Maestri del Lavoro, 10
10127 Turin - Italy

Contattaci